Attività, ricerche e progetti

Convinto che la biblioteca sia essenzialmente un servizio, fin dall’inizio della mia attività bibliotecaria ho praticato il campo della Biblioteconomia gestionale, orientando le mie ricerche sul management dei servizi bibliotecari e sull’applicazione delle tecnologie dell’informazione, rivolgendo l’attenzione principalmente all’analisi dei processi gestionali all’interno delle biblioteche e alla elaborazione di indicatori mediante i quali valutarne l’efficacia e il radicamento sociale.

A partire dalla seconda metà degli anni Novanta ho rivolto i miei interessi di ricerca all’architettura delle biblioteche, occupandomi anche dell’evoluzione storica delle funzioni e degli spazi. In quest’ambito ho studiato anche il modello londinese degli Idea store, allo scopo di valutare la possibilità di proporlo in Italia con qualche adattamento alla realtà del nostro paese. Ho collaborato con numerosi architetti: ho coordinato il progetto biblioteconomico della nuova Biblioteca Europea di Informazione e Cultura di Milano e sono stato coinvolto nella progettazione di numerose nuove biblioteche o nella ristrutturazione di sedi storiche in varie località (Cagliari, Città di Castello, Gubbio, Modena, Monza, Napoli, OrvietoPistoia, Spoleto, Verona).

Riprendendo alcuni spunti offerti da questi precedenti filoni di ricerca, ho poi rivolto l’attenzione al tema della progettazione, dello sviluppo e della stratificazione delle collezioni documentarie, cartacee e digitali.

Recentemente mi sono dedicato in particolare ad una riflessione sulle trasformazioni in corso nella produzione e circolazione delle conoscenze, e al rapporto fra comunicazione scritta e multimedialità, analizzandone anche i riflessi sui comportamenti di lettura.

Al tema della promozione della lettura e della information literacy sto dedicando attualmente grande attenzione