La libertà di incidere

La Rai ha trasmesso un bel documentario su Giorgio Gaber (ora disponibile su RaiPlay), che offre tanti spunti per riflettere sulla produzione di un artista scomodo e anticonformista, mai banale, difficile da incasellare, e che restò forse vittima delle stesse contraddizioni che voleva stigmatizzare. Al di là dell’apprezzamento – indubitabile – per la sua statura intellettuale e le sue composizioni, in particolare per quelle firmate insieme a Sandro Luporini, va detto che la parabola creativa ed esistenziale di Gaber lo portò gradualmente a prendere le distanze da tutto e da tutti, anche dalla cultura di sinistra cui aveva sempre fatto riferimento, isolandosi nella disillusione e nella rassegnazione, rendendo forse sterile il suo messaggio.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Una variante: a tavola con gli investigatori

Abbiamo parlato pochi giorni fa della presenza del cibo nella letteratura. Torniamo a occuparcene per aggiungere qualcosa su un sottogenere, come la narrativa poliziesca, in cui frequentemente sono presenti riferimenti gastronomici, forse perché gli investigatori più di una volta vengono presentati come soggetti burberi, solitari, abitudinari e che, nel corso delle loro indagini, hanno spesso la necessità di isolarsi per riflettere sugli indizi raccolti e individuare il colpevole. E sovente lo fanno a tavola. Ê così per il commissario Montalbano, frutto della penna di Andrea Camilleri, o per il suo omologo Maigret, inventato da Georges Simenon. Per il poliziotto di Vigata l’amore per la buona tavola non è legato solo all’appagamento del palato, ma è la ricerca di un momento di pace e di silenzio, davanti a un piatto di triglie o di pasta alla Norma. L’altro, assiduo frequentatore della brasserie Dauphine a Parigi, predilige pietanze di carne, accompagnate da un buon boccale di birra. E che dire di Nero Wolfe, l’investigatore privato creato da Rex Stout: un vero gourmet. Ma meritano di essere ricordate anche le prime colazioni e i dolci adorati da Hercule Poirot, il bizzarro investigatore che anima i romanzi di Agatha Christie, oppure le abitudini gastronomiche coltivate da Pepe Carvalho presso il ristorante Casa Leopoldo di Barcellona, così ben descritte dallo scrittore catalano Manuel Vázquez  Montálban, o l’attrazione che Sherlock Holmes prova per il buon vino, come ci tramandano le pagine scritte da Sir Arthur Conan Doyle. 

Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La cucina degli scrittori

Il giornale la Repubblica ha avviato una …gustosa rubrica intitolata “La fiera magnara” (espressione presa in prestito dal Pasticciaccio di Carlo Emilio Gadda), dedicata ai rapporti fra cibo e letteratura, a cura di Marcello Teodonio. Ogni puntata è dedicata a quelle narrazioni in cui il mangiare o il preparare pietanze occupano la scena in modo significativo.

Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento