Raccontare il lavoro

Il giorno 11 marzo si è tornati a discutere di storie di lavoro in un dibattito tenutosi presso la Sapienza in occasione del lancio della nona edizione del concorso LOscrittoIO che la Fondazione Sapienza bandisce allo scopo di valorizzare di valorizzare le capacità editoriali degli studenti di tutte le università italiane. Il tema scelto per quest’anno è Storie di lavoro e riportiamo qui le indicazioni del bando: «L’obiettivo del Concorso 2024 è quello di stimolare nei partecipanti una riflessione sul ruolo che il lavoro esercita oggi per gli individui e nell’assetto sociale. Il dettato dell’art. 1 della Costituzione, che definisce la nostra come una Repubblica “fondata sul lavoro” rischia di essere percepito come una vuota affermazione retorica, in quanto si è persa la centralità del lavoro nella vita delle persone e il suo valore come strumento di realizzazione personale. Fino a qualche decennio fa il lavoro è stato è uno dei tratti identitari della vita sociale e delle relazioni tra gli individui. Anche la letteratura ha tante volte raccontato storie legate alla “cultura del lavoro”. Poi il valore e il senso del lavoro è passato in secondo piano, è quasi scomparso dal dibattito pubblico e dal sentimento collettivo. Le diverse generazioni guardano al lavoro in modo discorde. Spesso privato di dignità e di riconoscimento sociale, il lavoro è oggi sempre più frequentemente legato al concetto di precarietà e ai disagi che ciò comporta, specie tra i più giovani. Leggiamo quotidianamente sui giornali le storie di tante persone che lasciano collocazioni lavorative che fino a poco tempo fa sarebbero state ambite e che preferiscono riappropriarsi del proprio tempo e vivere in una dimensione ritenuta più umana, rinunciando al successo professionale e accontentandosi di guadagnare meno».

Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Università | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La libertà di incidere

La Rai ha trasmesso un bel documentario su Giorgio Gaber (ora disponibile su RaiPlay), che offre tanti spunti per riflettere sulla produzione di un artista scomodo e anticonformista, mai banale, difficile da incasellare, e che restò forse vittima delle stesse contraddizioni che voleva stigmatizzare. Al di là dell’apprezzamento – indubitabile – per la sua statura intellettuale e le sue composizioni, in particolare per quelle firmate insieme a Sandro Luporini, va detto che la parabola creativa ed esistenziale di Gaber lo portò gradualmente a prendere le distanze da tutto e da tutti, anche dalla cultura di sinistra cui aveva sempre fatto riferimento, isolandosi nella disillusione e nella rassegnazione, rendendo forse sterile il suo messaggio.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Una variante: a tavola con gli investigatori

Abbiamo parlato pochi giorni fa della presenza del cibo nella letteratura. Torniamo a occuparcene per aggiungere qualcosa su un sottogenere, come la narrativa poliziesca, in cui frequentemente sono presenti riferimenti gastronomici, forse perché gli investigatori più di una volta vengono presentati come soggetti burberi, solitari, abitudinari e che, nel corso delle loro indagini, hanno spesso la necessità di isolarsi per riflettere sugli indizi raccolti e individuare il colpevole. E sovente lo fanno a tavola. Ê così per il commissario Montalbano, frutto della penna di Andrea Camilleri, o per il suo omologo Maigret, inventato da Georges Simenon. Per il poliziotto di Vigata l’amore per la buona tavola non è legato solo all’appagamento del palato, ma è la ricerca di un momento di pace e di silenzio, davanti a un piatto di triglie o di pasta alla Norma. L’altro, assiduo frequentatore della brasserie Dauphine a Parigi, predilige pietanze di carne, accompagnate da un buon boccale di birra. E che dire di Nero Wolfe, l’investigatore privato creato da Rex Stout: un vero gourmet. Ma meritano di essere ricordate anche le prime colazioni e i dolci adorati da Hercule Poirot, il bizzarro investigatore che anima i romanzi di Agatha Christie, oppure le abitudini gastronomiche coltivate da Pepe Carvalho presso il ristorante Casa Leopoldo di Barcellona, così ben descritte dallo scrittore catalano Manuel Vázquez  Montálban, o l’attrazione che Sherlock Holmes prova per il buon vino, come ci tramandano le pagine scritte da Sir Arthur Conan Doyle. 

Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento