La destra xenofoba guiderà la politica culturale dell’Unione Europea?

Circola in rete una petizione lanciata da Marton Vay, un giovane attivista ungherese, volta a bloccare la nomina di Tibor Navracsics a commissario europeo per la cultura, l’istruzione, la gioventù e la cittadinanza.
I parlamentari possono respingere la nomina proposta dai Governi. Già è accaduto in passato.
Navracsics è un esponente della destra autoritaria, xenofoba e antidemocratica al governo in Ungheria. Sarebbe paradossale che proprio a questa destra si affidassero la tutela della libertà della cultura, dei diritti, della libertà di associazione.
Ecco il testo della petizione:
 
Tibor Navracsics, l’attuale Ministro degli Esteri ungherese, è stato nominato per la carica di Commissario Europeo per Educazione, Cultura, Gioventù e Cittadinanza. Il governo ungherese ha avviato un giro di vite contro la libertà d’espressione di giornalisti e ONG e ha compromesso libertà civili e principi democratici: è inaccettabile che una figura centrale di questo governo possa essere responsabile di tali programmi europei. Il prossimo mese il Parlamento Europeo ha la possibilità di bloccare questa nomina, dobbiamo fare appello affinché ciò avvenga.
Sono un attivista ungherese e trovo spaventosa questa nomina, poiché rischia di normalizzare l’atteggiamento intimidatorio del Governo ungherese e di propagarlo nel resto d’Europa.
Solo due giorni prima dell’annuncio dei dicasteri dei Commissari europei, lunedì 8 settembre, la polizia ungherese ha fatto irruzione negli uffici di due organizzazioni no-profit critiche del governo. Hanno preso i computer e trattenuto lo staff delle organizzazioni.
L’anno scorso il governo ha iniziato a censurare i curricula scolastici. Oggi le scuole devono insegnare che il sesso fuori del matrimonio, così come l’omosessualità, sono un crimine e un peccato.
I direttore delle principali istituzioni culturali del Paese si sono dimessi per protesta contro le interferenze governative e gli ordini di mettere in mostra lavori “patriottici”.
Tibor Navracsics, prima di divenire Ministro degli Esteri, è stato Ministro della Giustizia e Capo di Gabinetto del governo di Victor Urban. E’ chiaramente legato a doppio filo alle decisioni prese da quel governo.
Ciò riguarda tutti i cittadini europei. Abbiamo bisogno di raccogliere firme per dimostrare che non riteniamo accettabile in Europa un comportamento intimidatorio e un ritorno del dispotismo. Il Parlamento europeo ha l’opportunità di fermare la nomina – facciamo pressione affinché ciò accada.

Si può firmare collegandoti a questo link
http://www.change.org/p/parlamento-europeo-fermiamo-tibor-navracsis-difendiamo-la-democrazia-europea-contro-il-dispotismo?recruiter=45977646&utm_campaign=signature_receipt&utm_medium=email&utm_source=share_petitio

Questa voce è stata pubblicata in Politiche culturali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *