Le proposte degli editori per la prossima legislatura

Faccio seguito ad alcuni post precedenti e fornisco un aggiornamento a proposito delle prese di posizione che vari soggetti stanno assumendo per stimolare i programmi dei partiti in vista delle elezioni del 25 settembre. Il dibattito sugli interventi per la cultura sollecitati alle forze politiche si è arricchito nei giorni scorsi con un Manifesto per il libro. Le proposte degli editori per la nuova legislatura, presentato dall’AIE, l’associazione di categoria degli editori, che evidenzia quattro priorità:

  • La più urgente è la richiesta di far fronte alla crisi della carta, i cui costi sono aumentati fino all’80% negli ultimi sei mesi: si chiede di estendere anche ai libri il credito di imposta già previsto per giornali e periodici.
  • Poi una legge di sistema per il mondo del libro, che guardi al lungo periodo, con incentivi all’innovazione e all’internazionalizzazione per tutta la filiera. Su questo tornerò fra poco.
  • La terza proposta riguarda la lotta alla pirateria, che secondo gli editori distrugge ben 771milioni di fatturato ogni anno.
  • La quarta, la più strategica, riguarda il sostegno alla lettura, incentivando l’acquisto di libri con strumenti come la 18App, estendendo strumenti analoghi ad altre categorie di cittadini, aiutando le famiglie e gli studenti nell’acquisto di libri di studio per scuola e università, potenziando la rete delle biblioteche e delle librerie, in particolare nelle aree svantaggiate.
Questa voce è stata pubblicata in Editoria, Politiche culturali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ due = 8

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *