The winner is… ChatGPT!

La scrittrice Rie Kudan ha vinto quest’anno col romanzo di fantascienza Tokyo-to Dojo-to il Premio Akutagawa, forse il più importante riconoscimento letterario giapponese. E fin qui la notizia può sembrare poco interessante. La notizia vera è che l’autrice ha dichiarato che durante la stesura del libro ha avuto frequenti conversazioni con ChatGPT e che una parte di queste sono poi diventati dialoghi del romanzo. Kudan ammette che una parte del merito per Tokyo-to Dojo-to non è suo ma di questa applicazione di intelligenza artificiale, cui si può attribuire la generazione di almeno il 5 per cento del contenuto: questa sarebbe la percentuale di frasi presenti nel romanzo generate dall’AI. La scrittrice ritiene di aver usato tutte le capacità creative di ChatGPT e di aver raggiunto grazie a questo contributo il suo «apice creativo». Si tratterebbe, quindi, di un vero e proprio coautoraggio? Kudan intende proseguire sulla stessa strada strada e avvalersi anche in futuro di questo strumento.

Nel mio recente volume Cervelli anfibi, orecchie e digitale, riferendomi alle applicazioni dell’intelligenza artificiale generativa in ambito editoriale, scrivevo «arriveremo ai libri che si scrivono da soli, in modo automatico o semi-automatico»: ci siamo quasi.

Questa voce è stata pubblicata in Digitale, Letteratura, Premi letterari e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 × sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *