Un errore tecnico che diventa errore politico

Segnalo l’articolo pubblicato oggi sul “Manifesto” da Gino Roncaglia – anch’egli dimissionario dagli organismo consultivi del MiBACT – che torna sulla questione del concorso a 500 posti di funzionario e spiega, a mio avviso, molto efficacemente i motivi per i quali dietro all’errore tecnico (il modo di calcolare i vuoti di organico e di determinare il numero di posti da mettere a concorso) ci sia in effetti un errore politico di incomprensione e sottovalutazione delle esigenze reali del mondo bibliotecario, la mancanza di progettualità, l’assenza – in un settore vitale per il nostro sistema culturale – di un disegno complessivo, che è invece assolutamente necessario.

Ieri abbiamo discusso di queste cose a “Fahrenheit” nel corso di una trasmissione cui oltre a Gino Roncaglia e a me ha partecipato anche Enrica Manenti, presidente dell’associazione italiana biblioteche.

Questa voce è stata pubblicata in Beni culturali, Biblioteche e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− cinque = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *